"Lasciateci il barcone". Gli scafisti minacciano con le armi i soccorritori

Inserito in Gallery

 

Duemilacentosessantaquattro persone. É la conta delle vite salvate ieri nei numerosi interventi che hanno impegnato Guardia Costiera, Guardia di Finanza e Marina Militare nelle acque del Canale di Sicilia. In meno di diciotto ore sono stati soccorsi diciassette tra barconi e gommoni. Le operazioni sono avvenute a 100 e 120 miglia dalle coste di Lampedusa, quindi in acque territoriali libiche. Ed è proprio davanti a Tripoli che ieri è successo un episodio inquietante e senza precedenti. Un motovedetta della Guardia Costiera Italia aveva affiancato un barcone carico di profughi e stava prestando i primi soccorsi. A un certo punto è però stata raggiunta da un barchino con a bordo quattro uomini armati di kalashnikov, che hanno obbligato gli italiani a lasciare loro il barcone vuoto. Ai militari italiani, che durante questo tipo di operazioni non sono armati, non è rimasto che obbedire. Il barcone “recuperato” dagli scafisti servirà con ogni probabilità a organizzare un altro viaggio nel Mediterraneo. "È un fatto allarmante, che segna un ulteriore salto di qualità nell’orrendo traffico di donne, uomini e bambini nel Mediterraneo", ha commentato il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Maurizio Lupi, dal cui ministero dipende la Guardia Costiera. "Siamo vicini agli uomini e alle donne della Guardia costiera - ha aggiunto Lupi - che si prodigano da anni per salvare da morte certa migliaia di persone e che per questo rischiano la vita. Oggi a maggior ragione riteniamo che per affrontare adeguatamente questo dramma sia indispensabile un intervento delle istituzioni internazionali in Libia".

 

Fonte: www.stranieriinitalia.it

 

Roma, 16 febbraio 2015