"Amici", Mattarella saluta gli immigrati. "Ue più solidale per i profughi"

Inserito in Gallery

 

Il nuovo presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha salutato anche gli immigrati e ha parlato anche di immigrazione stamattina nel suo discorso al Parlamento dopo il giuramento. “Parlare di unità nazionale – ha sottolineato - significa ridare al Paese un orizzonte di speranza. Perché questa speranza non rimanga un'evocazione astratta, occorre ricostruire quei legami che tengono insieme la società. A questa azione sono chiamate tutte le forze vive delle nostre comunità in Patria come all'estero” ha spiegato il nuovo Presidente della Repubblica. “Ai connazionali nel mondo – ha quindi aggiunto - va il mio saluto affettuoso. Un pensiero di amicizia rivolgo alle numerose comunità straniere presenti nel nostro Paese”. Mattarella ha parlato anche dei barconi carichi di disperati che attraversano il Mediterraneo: “Le guerre, gli attentati, le persecuzioni politiche, etniche e religiose, la miseria e le carestie generano ingenti masse di profughi. Milioni di individui e famiglie in fuga dalle proprie case che cercano salvezza e futuro proprio nell'Europa del diritto e della democrazia”. “È questa un'emergenza umanitaria, grave e dolorosa, che deve vedere l'Unione Europea più attenta, impegnata e solidale. L'Italia ha sottolineato il Capo dello Stato - ha fatto e sta facendo bene la sua parte e siamo grati a tutti i nostri operatori, ai vari livelli, per l'impegno generoso con cui fronteggiano questo drammatico esodo. “A livello internazionale – ha aggiunto quindi Mattarella - la meritoria e indispensabile azione di mantenimento della pace, che vede impegnati i nostri militari in tante missioni, deve essere consolidata con un'azione di ricostruzione politica, economica, sociale e culturale, senza la quale ogni sforzo è destinato a vanificarsi”.

 

Fonte: www.stranieriinitalia.it

 

Roma, 3 febbraio 2015